LEZIONE # 7 – Il riassunto

IL RIASSUNTO è la riscrittura in forma semplificata e ridotta di un testo. Per fare un buon riassunto è necessario compiere una serie di indispensabili operazioni preliminari:

  • leggere bene il titolo del testo di partenza (contiene informazioni preziose)
  • leggere più volte il testo (una sola volta non basta!)
  • dividere il testo in segmenti/capoversi e isolare le informazioni principali da quelle accessorie
  • per ogni capoverso, sottolineare i passi principali e le parole-chiave (inutile sottolineare tutto!)
  • ricostituire il testo, dopo averlo smontato, collegando le informazioni principali ed evitando il superfluo (aggettivi e avverbi possono essere eliminati)
  • utilizzare un stile semplice con preferenza per la paratassi (sequenza di frasi brevi, poche subordinate)
  • utilizzare in modo coerente i tempi verbali

Il riassunto DEVE:

  • essere significativamente più breve del testo di partenza, non deve superare di norma un terzo di esso
  • contenere tutte le informazioni essenziali (chi legge deve farsi un’idea precisa del testo di partenza)
  • conservare se possibile la struttura e i termini del linguaggio settoriale del testo di partenza (in particolare, le definizioni non devono essere parafrasate)
  • essere coeso (sul piano linguistico) e coerente (sul piano logico)

Il riassunto NON DEVE:

  • contenere opinioni, riflessioni, commenti personali (è un testo assolutamente “oggettivo”)
  • contenere discorsi diretti (se ci sono dialoghi, questi vanno trasformati)

VERIABILI di cui tener conto:

  • Finalità: per quale scopo riassumo il testo? Devo preparare una scheda di sintesi? Devo relazionare su un argomento? Il tipo di riassunto cambia in base alla finalità da raggiungere.
  • Destinatario: Per chi riassumo? il destinatario è molto importante perché da esso dipende almeno in parte la selezione delle informazioni. Si possono fare riassunti “su commissione” o per noi stessi (testi di servizio).
  • Tempo e lunghezza: naturalmente occorre far bene attenzione al tempo che si ha a disposizione e alla lunghezza del riassunto (quante righe/pagine?), soprattutto quando questa è fissata in modo perentorio.

TECNICHE PER RIDURRE

La cancellazione: si eliminano  le ripetizioni e le parole superflue, ad esempio aggettivi o avverbi inutili. Es. “Carla era una donna misteriosa e affascinante, capelli lunghi e ondulati, sguardo penetrante, un portamento naturalmente elegante…decisamente una bella donna” = Carla era una bella donna

La generalizzazione: si comprendono più informazioni particolari in un’informazione più generale o in una  sola parola. Es. “Carla si alzò, aprì il frigorifero, prese il latte e lo versò nella tazza; aggiunse due dita di caffè. Poi si voltò verso la dispensa, aprì un’anta, guardò dentro distrattamente, afferrò i biscotti e un pacco di merendine. Infine dispose tutto sul tavolo, mangiò con appetito e uscì = Carla fece un’abbondante colazione e uscì. Per la generalizzazione ci si può servire anche di iperonimi:
Es. I soldati presero pistole, fucili, pugnali, spade, granate e andarono all’assalto = i soldati presero le armi e andarono all’assalto

La nominalizzazione: si trasforma una frase con predicato verbale in un complemento, in un’apposizione, in un aggettivo. Es. Carla credeva che fosse possibile superare l’esame, nonostante le molte difficoltà = Carla credeva nel buon esito dell’esame. Es. Luigi incontrò a Salerno il ragazzo che sarebbe diventato il suo allenatore di basket = Luigi incontrò a Salerno il suo futuro allenatore di basket. Es. Quando aveva molti anni di meno = da giovane

Attenzione alla coerenza e coesione del testo finale! Quando si riassume un testo è necessario ricordarsi quanto segue per ottenere un testo coerente:

  • Scegliere un tempo verbale principale, al presente o al passato, e mantenerlo in tutto il testo, facendo attenzione alla consecutio temporum.
  • Ricordarsi di trasformare il discorso diretto in indiretto e quindi cambiare ove necessario forme verbali, determinazioni di tempo e di spazio, pronomi
  • Una volta steso il riassunto, può capitare che (per effetto dello stralcio che ha preceduto la stesura), risulti un testo composto di informazioni un po’ sconnesse e poco coerenti (evitare effetto “taglia e incolla”)
  • Si proceda quindi a ‘legare’ le varie informazioni, in senso sintattico e logico: si possono usare connettivi testuali (congiunzioni e locuzioni coordinanti e subordinanti), oppure si possono inserire brevi introduzioni alle frasi, o conclusioni logiche.
  • Attenzione ai legami formali tra le singole parti del testo:
  1. le concordanze  (articolo/nome, nome/ predicato, nome/aggettivo ecc.)
  2. i pronomi
  3. le ripetizioni o le sostituzioni (sinonimi, iponimi, iperonimi, perifrasi)
  4. le ellissi (omissioni e salti temporali)
  5. i connettivi (congiunzioni e locuzioni causali, temporali, concessivi, finali, ecc.)
  6. la punteggiatura

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...