LA NASCITA DEGLI STATI UNITI D’AMERICA (1783) E LA GUERRA DI SECESSIONE (1861-65)

Declaration_of_Independence_(1819),_by_John_Trumbull.jpg
La Dichiarazione di indipendenza, John Trumbull (1819)

L’Inghilterra, che uscì vittoriosa dai conflitti europei del XVIII secolo, si affermò come potenza mondiale; ma le guerre gli costarono molto care, a tal punto che il governo inglese decise di tassare anche le colonie americane. Nel 1774 fu imposta la tassa sul tè importato in America che provocò proteste vigorose da parte delle colonie. Fece molto scalpore l’iniziativa di un gruppo di coloni ribelli nel porto di Boston che gettarono in mare il carico di alcune navi inglesi. Il governo britannico reagì con fermezza e nel 1775 a Lexington vi fu uno scontro tra l’esercito del Massachussetts contro i soldati inglesi. L’anno successivo tutti i rappresentati delle colonie si riunirono a Filadelfia dove formarono un parlamento (il Congresso) e affidarono il comando dell’esercito a George Washington, un generale che aveva già combattuto nelle guerre contro i Francesi.

La Dichiarazione d’Indipendenza (1776)

Al Congresso presero parte Benjamin Franklin e Thomas Jefferson. I due ispirarono la Dichiarazione d’indipendenza approvata il 4 luglio 1776. La dichiarazione stabiliva che tutti gli uomini crescono uguali e dotati di diritti, che nessuno può togliere loro il diritto alla vita, alla libertà e alla ricerca della propria felicità. Non meno importante era un altro principio: quando un governo nega questi diritti il popolo è legittimato a ribellarsi. La sovranità del popolo nella realtà non apparteneva proprio a tutti dato che inizialmente il diritto di voto venne limitato ai cittadini che possedevano delle proprietà. Gli schiavi non potevano votare e non avevano il diritto alla libertà.

La Guerra d’indipendenza

La forza degli inglesi era senza alcun dubbio maggiore rispetto a quella dei coloni che però erano più motivati a vincere dato che erano in gioco le loro case e la loro terra. Il presidente Washington cercò di evitare le grandi battaglie e di guadagnare tempo in questo modo l’Inghilterra doveva spendere più soldi per il mantenimento del suo esercito oltre oceano. Nel frattempo il Congresso inviò in Europa diversi ambasciatori, tra i quali Benjamin Franklin, per ottenere l’appoggio di altre nazioni.

Nel 1778 la Francia, da sempre nemica dell’Inghilterra, entrò in guerra in aiuto dei coloni e gli inglesi furono sconfitti a Yorktown, nel 1781.

Nel 1783 fu firmato il trattato di Versailles, con il quale l’Inghilterra riconosceva l’indipendenza degli Stati Uniti e cedeva alla Francia alcune isole delle Antille e la colonia africana del Senegal.

Gli Stati Uniti d’America

Nel 1787 fu riunito nuovamente il Congresso che approvò la Costituzione degli Stati Uniti d’America e nel 1789 George Washington venne eletto presidente degli Stati Uniti. Ogni Stato era indipendente ma unito agli altri all’interno di una repubblica federale. Al governo federale spettava il controllo della polizia estera e quello dell’esercito. La Costituzione prevedeva la separazione dei poteri: legislativo, esecutivo e giudiziario. Il potere esecutivo (il governo) venne affidato al presidente degli Stati Uniti, eletto dal popolo.
Il potere legislativo spettava al Congresso, formato da un Senato e una Camera dei deputati, con membri eletti nei singoli Stati. Infine il potere giudiziario fu affidato a giudici eletti in ogni Stato e a una Corte suprema federale che doveva far rispettare la Costituzione.

La guerra di secessione

Col tempo però sorsero contrasti fra gli Stati. Questo perché il Sud basato sull’agricoltura non aveva gli stessi interessi del Nord più indirizzato verso l’industria. Ed inoltre il sud voleva mantenere la schiavitù. Per questi motivi nel 1861-65 vi fu una guerra civile fra Nord e Sud chiamata: Guerra di Secessione. Fu vinta dal Nord ed ebbe come conseguenza l’abolizione della schiavitù e l’affermazione di una maggiore democrazia.

Lo sviluppo degli Stati uniti affascinava moltissimo gli europei che continuavano ad arrivare insistentemente incoraggiati da una prospettiva di vita e di lavoro migliori. La popolazione americana passo dai 3,9 milioni del 1790 ai 76,3 milioni del 1900. La realtà però era ben diversa dato che questo era quello che si poteva osservare dall’esterno del paese, ma comunque molti emigranti europei riuscirono a costruirsi una vita più libera e dignitosa di quella che avevano lasciato nel proprio paese di origine.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...